Aquapol e onde gravitazionali: Arriva la conferma

L'11 febbraio 2016 è arrivata la tanto attesa conferma dell'esistenza delle onde gravitazionali!

Già ipotizzata 100 anni fa da Albert Einstein nella sua teoria della relatività, è da oggi una realtà scientifica e può essere ritenuta, senza ombra di dubbio, la scoperta del secolo!


 Essa cambia radicalmente l'approccio scientifico alla cosmologia e allo studio degli elementi di questo universo. Nel quartier generale del Georgia Institute of Technology di Atlanta una nuova realtà, finalmente inconfutabile, spazza via l'alone di scetticismo che ha avvolto per decenni il mondo scientifico, in merito a questo soggetto.

 Il segnale delle prime onde gravitazionali osservate dall’essere umano è stato ufficialmente rilevato il 14 settembre 2015 alle 11:40:45, simultaneamente da due differenti apparecchiature situate ad una distanza di migliaia di chilometri, a Livingstone e ad Hanford.

 Non sarebbe corretto dire che tale scoperta rappresenti per chiunque una sorpresa, considerato il fatto che per più di uno studioso, la presenza di queste increspature spazio-temporali era già una convinzione da parecchio tempo.

 Questo raggiungimento, di importanza epocale per la fisica moderna, rappresenta una conferma più che una sorpresa! Uno dei pionieri per quanto riguarda la ricerca delle onde gravitazionali fu Joseph Weber che nel lontano 1968 rilevò delle coincidenze tra due rivelatori, uno posto nell'università del Maryland e l'altro nel Laboratorio Nazionale in Illinois.

 Le sue affermazioni in merito all'esistenza di queste onde furono da molti screditate, ma servirono da stimolo per molte ricerche che seguirono nel corso degli anni.

 Tra queste ricordiamo la sperimentazione condotta dall'ingegnere Austriaco Wilhelm Mohorn, già da tempo interessato allo studio di energie alternative.  Mohorn perfezionò un dispositivo, chiamato Aquapol, per la deumidificazione dei muri!